Paul B. Preciado: paradigm shift

“Non potete tornare a una vita normale, perché quella che in passato chiamavate “vita normale” non può esistere durante un cambiamento di paradigma, perché anche se le cose sembrano sempre le stesse, non lo sono più. Anche le parole che paiono pronunciate nello stesso modo hanno cambiato senso. Il problema è che nessuno sa quale sarà il nuovo significato.”

“La deriva del migrante verso il nulla è un modello politico migliore di quello del cittadino europeo o nordamericano che vuole semplicemente tornare a casa. Il terrore e il desiderio che animano l’esilio sono più vicini alla mutazione necessaria per affrontare il tunnel in cui ci siamo collettivamente ficcati.”

Paul B. Preciado, “Tornate, sbrigatevi. Ma per andare dove?”, in Internazionale, 21 settembre 2020

Paul B. Preciado: Learning from the virus

“The subjects of the neoliberal technical-patriarchal societies that Covid-19 is in the midst of creating do not have skin; they are untouchable; they do not have hands. They do not exchange physical goods, nor do they pay with money. They are digital consumers equipped with credit cards. They do not have lips or tongues. They do not speak directly; they leave a voice mail. They do not gather together and they do not collectivize. They are radically un-dividual. They do not have faces; they have masks. In order to exist, their organic bodies are hidden behind an indefinite series of semio-technical mediations, an array of cybernetic prostheses that work like digital masks: email addresses, Facebook, Instagram, Zoom, and Skype accounts. They are not physical agents but rather tele-producers; they are codes, pixels, bank accounts, doors without names, addresses to which Amazon can send its orders.” Paul B. Preciado, “Learning from the virus“, in Artforum, May – June 2020